senior woman

Donne più longeve degli uomini? Si vogliono più bene. E gli uomini, cosa aspettano?

In tutto il mondo le donne vivono di più degli uomini. Affermazione valida solo per gli ultimi due secoli ma anche in Italia, stando ai dati del 2014: l’aspettativa di vita media è di 79 anni per gli uomini e 84 per le donne. Ma non da sempre è così.

Uno studio condotto dagli scienziati della University of Southern California Leonard Davis School of Gerontology, ha dimostrato che queste differenze di genere sono emerse solo all’inizio del secolo scorso. Le cause? L’aumento dell’incidenza delle malattie cardiovascolari. Lo studio, pubblicato sui Proceedings of the National Academy of Sciences, dimostrerebbe che l’aspettativa di vita delle donne è superiore rispetto a quella degli uomini per merito di un fenomeno demografico emerso, per la prima volta, tra persone nate a fine ottocento: analizzate 1763 persone nate tra il 1800 e il 1935 in 13 paesi sviluppati, si è osservato un crollo di mortalità dovuto alla prevenzione delle malattie infettive, al miglioramento delle diete ed alle condizioni di vita; le donne, poi, sono riuscite a beneficiare di tali fattori in modo più efficiente. Pare che la divergenza nella mortalità tra uomini e donne sia concentrata nella fascia di età tra 50 e 70 anni ed uno dei motivi è il fumo di tabacco che ha inciso per circa il 30% nella mortalità degli uomini. Ma anche al netto delle cause da fumo, la differenza tra maschi e femmine è dovuta ai disturbi cardiovascolari: dopo l’abbattimento delle cause di morte incidenti allo stesso modo per uomini e donne (le malattie infettive), l’impatto delle malattie cardiovascolari sulla mortalità è significativamente aumentato, e a risentirne maggiormente sono stati gli uomini.

La scoperta, secondo gli studiosi, dovrebbe incentivare l’avvio di ulteriori studi per capire se e come uomini e donne siano diversamente esposti alle malattie cardiovascolari e magari tenere in considerazione le differenze nella dieta e nell’attività fisica tra i generi nonché l’analisi approfondita della vulnerabilità genetica e biologica a livello cellulare.

Articoli correlati

I commenti sono chiusi

Copyright © 2015 - 2017 - Tutti i diritti riservati

Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.