organi2

I traguardi della scienza: primo trapianto di pene al mondo concluso con successo

È un ventunenne africano il primo paziente al mondo ad aver subito un trapianto di pene perfettamente riuscito, dopo nove ore di intervento.
La delicata e straordinaria operazione è avvenuta a dicembre scorso presso il Tygerberg Hospital di Città del Capo, in Sudafrica, grazie all’equipe del Prof. Frank Graewe, responsabile dell’unità di Chirurgia plastica dell’Università di Stellenbosch.

L’annuncio è stato dato dopo tre mesi circa, per permettere al paziente di riguadagnare la completa funzionalità dell’organo, sia dal punto di vista urologico che sessuale, mentre per il recupero totale della sensibilità bisognerà attendere ancora. Al ragazzo il pene fu amputato quasi totalmente, tre anni fa, a causa di una circoncisione andata malissimo.
La circoncisione è una pratica rituale molto comune nel mondo e consiste nell’asportare chirurgicamente una parte o la totalità del prepuzio. Ogni anno, nel solo Sudafrica, almeno 250 persone perdono il pene in seguito a tali rituali finiti male.

L’organo apparteneva ad un uomo deceduto, la cui famiglia ha acconsentito all’espianto e che è stata ringraziata pubblicamente nel corso della conferenza stampa.
“È stato un grande privilegio – ha affermato il professor Graewe – essere parte di questo primo trapianto mondiale portato a termine con successo. Siamo molto soddisfatti per l’incredibile recupero funzionale dell’organo, fatto in poco più di tre mesi”.

L’intervento eseguito in Sudafrica è il secondo di cui si ha notizia certa: il primo era stato condotto in Cina, nel 2006, ma dopo solo dieci giorni i chirurghi erano stati costretti a rimuovere il pene nuovo al paziente, che non era riuscito a superare il trauma psicologico. La vera sfida del team di Stellenbosch è stata quella di unire tra loro nervi e vasi sanguigni di 2 mm di diametro.
Di questa conquista della chirurgia potranno beneficiare anche i pazienti colpiti da cancro o dagli effetti collaterali di trattamenti contro la disfunzione erettile.

Articoli correlati

I commenti sono chiusi

Copyright © 2015 - 2017 - Tutti i diritti riservati

Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.